mercoledì 8 agosto 2012

I nuovi mostri.

C'è qualcosa di peggio di un colloquio andato male?
Un colloquio dove il datore di lavoro non si presenta.
E' terribilmente frustrante e arrivi a sentirti lavorativamente utile quanto la terza parte della saga Il Padrino. Si fa un gran parlare di serietà ma non se ne fa mai un buon uso.
La società ****** che mi ha contattata così entusiasta dal mio impressionante cv, avrà probabilmente la fila di promettenti disoccupati pronti a lavorare per loro, ma questo non toglie che il rispetto e la serietà siano qualità da mantenere.
Come diceva mio nonno, vale più una nomina di un'azienda.
Tristemente, vostra disoccupata per bene.

2 commenti:

  1. Ciao collega, tieni botta. Anche io ero in una situazione simile qualche anno fa - poco qualificata e troppo vecchia per l'apprendistato - ma un lavoro sottopagato l'ho trovato, che intanto mi ha permesso di imparare una mansione. E da lì, pian piano, sto cercando di creare qualcosa.
    Il 1 settembre sono di nuovo a casa... Ma non mollo!

    RispondiElimina
  2. Ciao...purtroppo il rispetto per i "curriculati in cerca di casa" non esiste e non è detto che con l'assunzione le cose migliorino.
    Ad ogni modo, è pur vero che non c'è niente di peggio di quando questi dementi del lavoro non si presentano, ma è altrettanto vero che spesso, pur presentandosi, imprechiamo di non averli mai voluti conoscere!!
    Una socia del club prestigiosissimo

    RispondiElimina