mercoledì 17 ottobre 2012

Taglia e cuci: i nuovi sarti e i concorsi ad hoc

E' la terza volta in 2 mesi che pubblicano anche nella mia provincia terzomondista bandi per concorsi emanati da enti pubblici, quali comuni e provincia.
La prima volta ci sono cascata: cercavano una centralinista con esperienza nel settore e come titolo di studio la terza media. Avendo 2 lauree ed avendo soprattutto lavorato, tra le varie mansioni, anche come centralinista nel mio precedente lavoro, mi sono fiondata.
La chiamata era stata fissata per il 18 agosto esclusivamente dalle 11 alle 12 ed era necessario il modelo ISEE. Ok quindi vado dal commercialista, pago la parcella per l'ISEE, vado a Sanremo al CPI dove evidentemente non aspettavano nessuno per quel posto.  Recuperano perplessi una cartellina da non so quale cassetto dimenticato, con dentro il bando.
Guardano il mio ISEE, il mio cv e poi mi informano che io non ho i requisiti. Il fatto che il mio cv attesti la mia esperienza nel settore non è una garanzia. Mi chiedono di andare dal mio precedente datore di lavoro, che mi ha licenziata malamente quando gli ho comunicato che mi sarei sposata, farmi redigere un documento dove attestano la mia esperienza come centralinista, quindi riportarlo a loro. Il tutto in meno di 1 ora. Forse avessi avuto il diploma di terza media anzichè la laurea sarebbe andata diversamente? Mah, non lo saprò mai.
Il mese scorso stavo per ricaderci: cercano una impiegata amministrativa per 3 mesi al comune di Imperia. L'articolo appare su La Stampa del mercoledì, sulla bacheca della CISL e sugli allert di lavoro.
Ho tutte le carte in regola, stavolta ce la posso fare. Ma preferisco chiamare il CPI, onde evitare un ulteriore viaggio a vuoto. E avevo ragione. La signorina mi dice che il concorso è solo per disabili. Quando le faccio notare che pero' sugli annunci non è specificato, tergiversa e dice che è sottinteso.
Sento che le mie lauree non sono servite proprio a nulla se non riesco nemmeno a sottintendere queste cose.
Oggi si riaccende il barlume della speranza infranta. Leggo: AVVISO PER 1 POSTO DI COLLABORATORE AMMINISTRATIVO, presso il comune di Sanremo.
Caratteritiche: le ho. Termini di scadenza: ci sono. Stavolta cerco meglio, onde evitare di sottointendere male e sul sito del comune trovo il bando del concorso, che è il seguente:


MOBILITA’ ESTERNA, AVVISO PER 1 POSTO DI COLLABORATORE AMMINISTRATIVO

Indetta la procedura di mobilità volontaria, in base al T.U. sul Pubblico Impiego (art. 30 D.Lgs. n. 165/2001), per la copertura, a tempo pieno, di un posto di “Collaboratore amministrativo”, categoria B, accesso iniziale B1, riservato agli iscritti alle categorie protette-disabili.
I requisiti richiesti per poter effettuare la domanda sono i seguenti:
- essere dipendenti, in servizio a tempo indeterminato, presso le Pubbliche Amministrazioni (*);
- essere inquadrati in figura di “Collaboratore amministrativo”, cat. B, accesso iniziale B1, del CCNL Regioni-Enti locali, o in figura e categoria equivalenti di altri comparti;
- appartenere alle categorie protette-disabili (esclusi i non vedenti) ed essere in servizio a copertura della quota d’obbligo nella suddetta categoria;
- essere in possesso del diploma della scuola dell’obbligo;
- non aver riportato sanzioni disciplinari nei due anni precedenti la data di scadenza dell’avviso di mobilità e non avere procedimenti disciplinari in corso.


Ora mi chiedo, se il bando riporta la dicitura: mobilità esterna, perchè tra le caratteristiche per partecipare è chiaramente indicato: essere dipendenti a tempo ind presso le pubbliche amministrazioni?
Tutti abbiamo diritto a lavorare tanto gli abili quanto i disabili e non è certo questa la mia critica. Ma se questo bando non è stato fatto su misura per una persona specifica, allora vuol dire che oltre a non saper sottointendere sono veramente una bambocciona.

4 commenti:

  1. Ciao "collega" disoccupata,

    anch'io faccio parte di quel 34% di neet....o choosy...come piace definirci agli oligarchi parassitari. Giusto per non dire DISOCCUPATI SENZA TUTELE che suona brutto, soprattutto verso quei paesi europei (non su marte) che da oltre 20 anni erogano redditi di cittadinanza ai membri senza lavoro della loro comunità, ridando loro dignità. A noi forse ci concedeeranno il "suicidio assistito" come sponsorizzato da certi ambienti

    http://dadietroilsipario.blogspot.it/2012/10/quanti-inutili-e-costosi-disoccupati.html

    http://coperatorveritas.altervista.org/2012/10/23/lobby-inglesi-alla-carica-%C2%ABil-suicidio-assistito-deve-diventare-legale%C2%BB/

    ci dicono che siamo in troppi e costiamo pure!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo tutti un pò choosy....ma come vedi la ministra ha già smentito, dice di non averlo mai detto. Concordo in tutto. Certo costiamo, noi che forse prendiamo il sussidio di disoccupazione. Ma io vorrei sapere come farò ad aprile, se ancora non lavorerò, a pagare le tasse, lorde, su questa bella disoccupazione che sto recependo.

      Elimina
  2. Caro Diario di una disoccupata,
    hai la fortuna di essere davvero bello e interessante e di avere una proprietaria davvero brava, sia come esperienze che come modo di scrivere, che agli occhi del lettore, viene facile seguirla e immedesimarsi. Purtroppo viviamo in un periodo (?) o forse in un Paese in cui più sei bravo e meno conti e questa cosa dovrà pur finire perchè anche noi non ne possiamo più di sentirla... La nostra concezione è cambiata, siamo anche disposti a fare tutto pur di avere un posto fisso e uno stipendio decente. Ti capisco davvero e credo sarò presto nella tua situazione, dopo quattro anni di contratto determinato e adesso una gravidanza con scadenza lo stesso giorno del contratto. Un lavoro poi sottopagato e stressante allo stato puro, che avrei cambiato volentieri con qualcos'altro di meglio, ma se altro non c'è... In Liguria poi siamo messi anche maluccio...

    E così ho aperto anche io un blog, proprio qualche giorno fa, per buttarmi a capofitto nella maternità (sono al settimo mese) per svagarmi e alleggire me e il piccolo dallo stress mentale del "che ne sarà di me professionalmemte e dei pannolini di mio figlio?" Anche io ho una passione sfrenata per i viaggi, le lingue straniere (parlucchio qualcosa diverso dall'italiano) e i viaggi.

    Se hai piacere io sono:

    http://lamammadiprince.blogspot.it/

    Grazie a presto spero :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao mamma di prince, anche io sarò presto nella tua situazione, perchè sono incinta anche io, di 3 mesi. Siamo molto simili,sia nella fortuna della gravidanze e purtroppo anche nella sfortuna del lavoro.Ora faccio un volo sul tuo blog, sono sicura che sarà molto affine al mio.
      Nel frattempo in bocca al lupo per tutto.

      Elimina