martedì 15 ottobre 2013

Riassunto delle puntate precedenti.

Allora partiamo dal presupposto che chi cerca lavoro e non lo trova è in un perenne stato di depressione e aggiorna la posta circa ogni 5 minuti sperando di leggere un qualcosa del tipo: 
RE: AUTOCANDIDATURA

E invece no, le uniche mail che ricevi sono o di casino viruali o le famigerate mail di spam lavorativo che ti bersagliano, nemmeno fossi l'unica disoccupata al mondo.
Per capirci intendo quelle mail che ti compaiono circa 30 volte in un giorno del tipo: CON QUESTO LAVORO GUADAGNERAI UN EXTRA DI 2000 EURO AL MESE.
Ma scusa, partendo dal presupposto che la tua mail è solo spam con magari qualche virus dentro, quanto pensi sia uno stipendio medio se consideri l'extra di 2000 euro?? Informati almeno prima così uno arriva a leggere fino alla fine.
Un altro famoso  è anche: LA PAGA CI SARA' OGNI VENERDI...
Anzi ecco il testo di questo:
La paga ci sarà ogni venerdì!Volendo, potrete aumentare gradualmente il numero delle richieste.
Garantiamo il lavoro a tutti. Ma i posti disponibili sono limitati!
Perciò vi conviene di presentare la domanda subito. E inizierete a guadagnare dalla settimana seguente.

Nella domanda bisogna indicare:
Il vostro nome
Il vostro indirizzo email
La vostra città di residenza

Indirizzate la domanda al mio email Rowland@outsourcing-lavoro.com e vi risponderò personalmente entro 2 giorni lavorativi

Cordiali saluti,
HR Manager

Ma non c'è limite a niente in questo mondo?! Quindi passiamo oltre, capitolo MAMMA CHE CERCA LAVORO = POVERA ILLUSA.

Fare la mamma si sa è di per se il lavoro più difficile, ma più soddisfacente al mondo. Purtroppo o per fortuna il medioevo è terminato da qualche anno e anche le mamme possono scegliere di fare un secondo lavoro, sicuramente meno interessante, ma necessario per il sostentamento.
Ora che la baby ha quasi 6 mesi, mi sono messa da un paio di settimane di nuovo alla ricerca. 
Nel giro di un mese ho fatto 2 colloqui di cui uno era una annuncio fittizio sul quale sorvolerei e l’altro, dopo avermi fatto parlare per 1 ora circa in inglese, avermi fatto i complimenti per l’utilizzo del computer dei vari programmi specifici e di tutto quanto prevedesse il profilo per quella posizione, mi ha chiesto: “Cosa ha fatto in questo anno in cui non ha lavorato?” Silenzio.
 Ero tentata di dire che avevo preso un anno sabatico, o che avevo intrapreso un viaggio spirituale o qualsiasi cosa non mi facesse dire che mi ero sposata e avevo avuto una bambina. Ma ovviamente non ce l’ho fatta.
Risultato? Dopo 15 giorni l’agenzia interinale che mi ha proposto questo lavoro mi chiama per dirmi che l’azienda preferisce qualcuno di più maturo, più avanti con gli anni. Io ho 34 anni. Non sono riuscita a tenermi la domanda: “Scusi cercano qualcuno sulla soglia della pensione allora?!” La risposta è stata molto chiara e senza troppe pretese: “No, qualcuno di più libero”. Traduzione per i non abituati a questo tipo di risposte: Hai una figlia di 6 mesi, fino a 3 anni puoi richiedere permessi speciali, ergo se hai figli sono problemi tuoi e con noi non lavori.
Perfetto, allora mi tengo ben stretti i miei PROBLEMI e continuo le ricerche.

4 commenti:

  1. Consigli:

    1) Mai dire che si hanno figli nè fidanzati, dichiararsi sempre completamente libera. Se ti chiedono con chi vivi non dire mai in affitto, dì semplicemente ancora con i miei (anche se non è vero).

    2) Quando ti chiedono dei buchi temporali sul curriculum, dì che non ti sei mai fermata e che hai lavorato in nero magari presso l'attività di un parente. Nel frattempo cercavi una posizione inquadrata contrattualmente, e per questo motivo ti trovi ora a fare il colloquio.

    In Italia gli onesti rimangono sempre fregati. Occorre fare i furbi/bugiardi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco il tuo punto di vista ma non lo condivido. Quando poi avrai bisogno effettivamente di un permesso perché tuo figlio ha la febbre come lo giustifichi? Non credo che nascondere certe cose porti a qualcosa di buono. Essere onesti non è' remunerante oggi si sa, ma essere bugiardi credo lo sia ancora meno.

      Elimina
  2. ciao. pure io la penso come te...perche' mi trovo nella tua stessa situazione ma chi non ha figli e quindi altri impegni, e non ne faccio assolutamente una colpa, queste cose non le puo' comprendere. certo e' che pure io nella mia carriera lavorativa ho visto molte persone "bugiarde" andare avanti, ma credo comunque che l'onesta' e la sincerita' prima o poi paghi.
    comunque pure io da poco sto' cercando lavoro, ho un bimbo di quasi 8 mesi e di anni ne ho 41. di colloqui ne ho fatti assai negli anni e capivo gia' se ni andava bene o male. oggi e' tutto molto piu' difficile per la mancanza di lavoro e chi stesso fa i colloqui a volte e' superficiale e dimostra poca considerazione di te candidato. tanto ne ha una fila di persone che cercano. quello che ti voglio dire e' che mi piacerebbe sentirmi dire...guardi non e' la persona adatta per questo posto, subito e non alimentare false speranze che si capisce che non ci sono. ho trovato certa gente.....ma non mi demoralizzo e cerco comunque di andare avanti

    RispondiElimina
  3. HAI FATTO BENE. NON SI COSTITUTISCE UN RAPPORTO DI LAVORO SU BUGIE. NEL LAVORO, COME IN OGNI ALTO RAPPORTO, LA FIDUCIA E' FONDAMENTALE.
    L'ONESTA PAGA SEMPRE.

    RispondiElimina